Studio Contabile Tributario Dott.Cozzani Alessandro

UNITA' LOCALE CAF servizi al cittadino assistenza fiscale - La Spezia - Sarzana - Carrara


tra Lo studio esaminate dei

CASI PRATICI:

 

COME APRRE UN AFFITTA CAMERE 

DIFFERENZE TRA PROFESSIONALE E NON PROFESSIONALE

 


nella scelta della tipologia di affitacamere bisogna innanzitutto capire se si vuole svolgere un0attività di tipo occasionale o non occasionale .

Lo studio Avendo analizzato differenti casi di clienti illustra le varie tipologie presenti sul mercato:


qui di seguito in base alla normativa attuale le due tipologie presenti:

 

 

AFFITTA CAMERE NON PROFESSIONALE

- concessione in affitto delle stanza per un periodo annuale inferiore a 30 gg
- normalmente concessione in uso dell'appartamento dove si ha residenza o domicilio fiscale.
- non si richiede apertura p.iva
- è richiesto obbligatoriamente la Pratica "SCIA" di inizio attività da presentare in comune.
- emissione di ricevute non fiscali ( per individuazione dei ricavi da inserire in dichiarazione ) tassazione Irpef a scaglioni

 

essendo contratti di locazione inferiori a 30 gg non è richiesto contratto di locazione

 

AFFITTA CAMERE PROFESSIONALE

 


- concessione in affitto di stanze per un periodo maggiore di 30 gg.. ( es il caso di concessione affittacamere a studenti per tutto l'arco dell'anno)
- richiesta apertura p.iva, deposito in CCIAA
- è richiesto obbligatoriamente la Pratica "SCIA" di inizio attività da presentare in comune.
- gestione contabilità in quanto azienda 
- emissione di fatture 
La scelta della tipologia di affittacamere dipende quindi dai giorni che si vuole affittare all'anno una struttura 

 

 

 

 

essendo contratti di locazione isuperiori a 30 gg  è richiesto contratto di locazione e registrazione con il nuovo modello R.L.I.

 

 

 

 

ADEMPIMENTI RICHIESTI PER APRIRE L'ATTIVITA'

  1. tra i docuementi richiesti ricordiamo :

    -atto di acquiso dell'immobile di proprietà

    -visure catastali

    -planimetria abitazione

    -polizza assicurazione di responsabilità civile a favore degli inqulini che vi alloggiano



X INFO CONTATTI

 

Dott. Alessandro Cozzani
cozzani.alessandro@yahoo.it

 

Tributarista Dott.Alessandro Cozzani

"Tributarista Qualificato Lapet ai sensi della Legge n.4/2013"

 

www.iltributaristalapet.it

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

_______________________________________________________________________________________________

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

2014  novità Modelli Unici 

 

MODELLO UNICO 2014 

 

i modelli in sintesi:

 

 

www.iltributaristalapet.it

 

Modelli Unici 2014 

RATEIZZARE IN TEMPI DI CRISI

possibile: Analisi Dott. Cozzani Tributarista

 

 

Rateizzare in tempi di crisi, in alcuni casi rappresenza, il modo migliore per ottimizzare situazioni di alti

costi aziendali, situazioni familiari non fiorenti, alti debiti...

non tutti sanno che con un'attenta analisi della propria struttura debitoria fiscale, del debito Vs Equitalia, irpef, irap , ires, è possibile rateizzare con un buon piano di riparto in differenti rate.

 

non tutti sanno che ad esempio per le persone fisiche si possono RATEIZZARE:

il pagamento rateizzando puo avvenire con l'applicazione di un interezze passivo pari al 4%.

il contribuente non titolare di partita iva può pagare con le seguenti rate alle seguenti scadenze:

 


1) prima rata: 16 giugno 2014 (ovvero 16 luglio 2014 con maggiorazione dello 0,40%) 

2) seconda rata: 30 giugno 2014 con interesse dello 0,16% (ovvero 31 luglio 2014 con maggiorazione dello 0,40% e interesse dello 0,16%) 

3) terza rata: 31 luglio 2014 con interesse dello 0,49% (ovvero 1° settembre 2014 con maggiorazione dello 0,40% e interesse dello 0,49%) 

4) quarta rata: 1° settembre 2014 con interesse dello 0,82% (ovvero 30 settembre 2014 con maggiorazione dello 0,40% e interesse dello 0,82%) 

5) quinta rata: 30 settembre 2014 con interesse dell’1,15% (ovvero 31 ottobre 2014 con maggiorazione dello 0,40% e interesse dell’1,15%) 

6) sesta rata: 31 ottobre 2014 con interesse dell’1,48% (ovvero 1° dicembre 2014 con maggiorazione del 0,40% e interesse dell’1,48%) 

7) settima rata: 1° dicembre 2014 con interesse dell’1,81%. 

 

 

I contribuenti dovranno utilizzare il modello di versamento F24 che verrà debitamente compilato utilizzando i codici tributo 

4001 IRPEF SALDO

4033 IRPEF ACCONTO PRIMA RATA

4034 IRPEF ACCONTO 2° RATA O UNICA SOLUZIONE

1668 INTERESSI PAGAMENTO DILAZIONATO IMP.RATEIZZATI SEZ ERARIO

3801 ADDIZIONALE REGIONALE

3844 ADDIZIONALE COMUNALE SALDO

3843 ADDIZIONALE COMUNALE ACCONTO

1842 CEDOLARE SECCA LOCAZIONI SALDO

1840 CEDOLARE SECCA LOCAZIONI ACCONTO PRIMA RATA

1841 CEDOLARE SECCA LOCAZIONI ACCONTO 2° RATA O UNICA SOLUZIONE

_____________________________________________________________________________________

 

Modello 730

 

E' il modello per la dichiarazioen die redditi per i lavoratori dipendenti e pensionati

 

un modello comunemente utilizzato da lavoratori dipendenti e pensionati, per la maggiore semplicità di redazione e per il vantaggio in caso di credito d'imposta, di rimborso diretto in busta paga o nella rata della pensione.

il contribuente non deve trasmetterlo direttamente all'Agenzia delle Entrate, ma ci puo pensare il datore di lavoro o ente pensionistico o intermediario abilitato (caf o intermediri abilitati)

nel caso in cui emerga un debito d'imposta dal calcolo dello stesso, le somme verranno direttamente decurtate dall busta paga di luglio o pensione di settembre o ottobre.

il contribuente puo richiedere comunque di rateizzare in più mesi le trattenute con l'applicazioen però di interessi pari al 0,33% mensili.

se lo stipendio o la pensione sono insufficienti alla copertura del debito d'imposta, la parte residua del debito verrà decurtata dallo stipendo o pensione dle mese successivo con l'applicazione di interessi mensili pari allo 0,40%

 

tipologie di reddito

per i quali puo essere utilizzato il modello 

730

 

- reddito di lavoro dipendente

-redditi assimilabili al lavoro dipendente

-redditi di capitale

-redditi di terreni e fabbricati

-redditi di lavoro autonomo per i quali non è richiesta p.iva

-alcuni redditi sottoposti a tassazione separata (es eredi e legatari..)

-alcuni redditi (terreni e fabbricati situati all'estero...)

 

____________________________________________________________________________________________

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Tributarista Dott.Alessandro Cozzani

"Tributarista Qualificato Lapet ai sensi della Legge n.4/2013"

 

www.iltributaristalapet.it

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Inviare messaggio
Nome: *
e-Mail: *
Tuo messaggio: *
Codice di sicurezza:
 (transcrivi nel campo)
Il messaggio è stato inviato con successo!

Home page gratis da Beepworld
 
L'autore di questa pagina è responsabile per il contenuto in modo esclusivo!
Per contattarlo utilizza questo form!