Studio Contabile Tributario Dott.Cozzani Alessandro

UNITA' LOCALE CAF servizi al cittadino assistenza fiscale - La Spezia - Sarzana - Carrara


 
 

 

 

Aggiornamenti Fiscali  2016

 

 

 

Studio Contabile Tributario Dott. Alessandro Cozzani

"Tributarista Qualificato Lapet ai sensi della Legge n.4/2013"

 

 

www.iltributaristalapet.it

 

Un'area dedicata, all'aggiornamento fiscale, sintetizzato in pochi titoli ,consultabile per essere costantemente

aggiornati sulle ultime manovre fiscali del momento :

 

________________________________________________________________________________________

 

 
Le news: gli aggiornamenti  - 2017
 COMUNICAZIONE LIQUIDAZIONE IVA TRIMESTRALE - SPESOMETRO 
LEGGE DI STABILTA' - CONTABILITA' SEMPLIFICATA PER CASSA -  BONUS MOBILI BONUS RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE  2017 - DETRAZIONI FISCALI  - 2017 - 
 
Studio Contabile Tributario Dott. Cozzani
 
_______________________________________SETTEMBRE 2017_____________________________________

 

 

 

GLI OBBLIGHI FISCALI DEL 2017

 

 

COMUNICAZIOEN LIQUIDAZIONE IVA TRIMESTRALE 

UN OBBLIGO DAL 2017  - SI DOVRà TRASMETTERE ALL'AGENZIA ENTRATE I RIEPILOGO IVA LIQUIDATA DEL TRIMESTRE . QESTO AVVERRA' CON L'INVIO DI 4 LIQUIDAZIONI IVA TRIMESTRALI

 

 

DOPO IL PRIMO INVIO A MAGGIO A BREVE IN SCADENZA  L'INVIO DEL 2° TRIMESTRE PREVISTO ENTRO 

IL  18 SETTEMBRE 2017 

SI TRASMETTERA' INFATTO IL 2° TRIMESTRE 2017 ( APRILE MAGGIO GIUGNO 2017)​

 

 

_________________________________________________________________________________________________

 

 

SPESOMETRO 1° SEMESTRE 2017

( SCADENZA SLITTA AL 28 SETTEMBRE 2017)

 

UN NUOVO OBBLIGO DEL 2017 A' L'INVIO DELLO SPESOMETRO ATTUALMENTE SEMESTRALE 

IL COSI DETTO "COMUNICAZIONE INVIO DELLE FATTURE

“spesometro”, ovvero l’obbligo di comunicare i dati delle fatture emesse e ricevute (registrate) entro l’ultimo giorno del secondo mese successivo ad ogni trimestre (D.lgs 193/2016).

Nello specifico l’Agenzia delle Entrate ha dichiarato che:

  • Tutti i chiarimenti relativi ai dati fattura da trasmettere all’AdE, qualora si esercitasse l’opzione per il regime premiale, valgono anche per lo spesometro.
  • Nel caso in cui il soggetto non eserciti l’opzione per il regime premiale potrà sfruttare il Sistema di Interscambio per inviare e ricevere fatture elettroniche. In questo caso i dati saranno acquisiti automaticamente dall’Agenzia delle Entrate. Qualora non tutte le fatture attive e passive transitino dal SdI il soggetto potrà inviare telematicamente i dati delle altre fatture rispettando specifiche e modalità proprie del file “Dati Fattura”.

Inoltre la circolare 1/E fornisce indicazioni rispetto ai soggetti esclusi dall’obbligo dello spesometro, ovvero:

  • Tutti coloro i quali si avvalgono del regime speciale per i produttori agricoli situati nelle zone montane.
  • Tutti i soggetti in regime forfettario (articolo 1, commi 54-89, legge190/2014).
  • Tutti coloro i quali si avvalgono del regime fiscale di vantaggio per l’imprenditoria giovanile e lavoratori in mobilità (i “minimi”). 

Le Pubbliche Amministrazioni invece sono esonerate dall’obbligo di invio dei dati delle fatture ricevute, essendo queste già veicolate tramite la piattaforma SdI, mentre permane l’obbligo di invio dei dati delle fatture, e relative note di variazione, emesse nei confronti di soggetti diversi dalle pubbliche amministrazioni che non siano state trasmesse tramite il Sistema di interscambio.

 

 

 

 

______________________________________________2017________________________________________________

 

IL NUOVO REGIME PER CASSA PER LE IMPRESI DI PICCOLE DIMENSIONI / SOCIETA DI PERSONE

 

 

 

 

 cassa prevede alcune considerazioni in merito verrà contabulizzato, considerato tutto alla data di incasso e alla data di pagamento e vi saranno alcuni punti importanti da considerare come la gestione delle rimanenze

I

  1. una modifica dell’articolo 66 Tuir;
 
si considereranno in sostanza tutte le fatture incassate e solo tutte le fatture pagate
 
 
 
 
per quanto riguarda le rimanenze finali dell'esercizio precedente ossia del 2016 non verranno considerate nel 2016 come iniziali  "NON ASSUMONO RILEVANZA AI FINI DELLE DETERMINAZIOEN DEL REDDITO"
 
 
 

Con riferimento specifico alle voce delle rimanenze finali viene stabilito che “il reddito del periodo d’imposta in cui si applicano le disposizioni dell’articolo 66 del testo unico delle imposte sui redditi, di cui al decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n.917, come modificato dal comma 17 del presente articolo, è ridotto dell’importo delle rimanenze finali che hanno concorso a formare il reddito dell’esercizio precedente secondo il principio della competenza”.

In altri termini, con tale specifica disposizione normativa viene stabilito che:

  1. non assumono rilevanza ai fini della determinazione del reddito né le rimanenze finali né tantomeno quelle iniziali, proprio in perfetta applicazione del principio di cassa su cui poggia l’intero sistema di determinazione del reddito;
  2. per il primo periodo d’imposta di applicazione del regime di cassa il reddito è determinato mediante una decurtazione dello stesso per un importo pari alle rimanenze finali che hanno concorso a formare il reddito dell’esercizio precedente in base al principio di competenza.

Tale scelta legislativa è da ricercarsi nel fatto che l’eventuale “irrilevanza” delle rimanenze iniziali dell’anno di prima applicazione del regime avrebbe comportato una possibile duplicazione di base imponibile e di pagamento delle relative imposte. Di contro, tale scelta potrebbe determinare l’emersione di importanti perdite in capo alle imprese minori che hanno adottato il regime di cassa, per le quali sono, in ogni caso, applicabili le limitazioni di riporto in avanti stabilite dallo stesso Tuir.

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
_______________________________________________________________________________________
 
ottobre 2016
 
COME CAMBIERA' IL BONUS RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE  NEL 2017 ?
( LE ULTIME NOVITA' IN MATERIA FISCALE)
 
 

Come cambierà il bonus ristrutturazioni edilizie nel 2017? ( le ultime novità) Chi può beneficiarne?

 
Bonus RISTRUTTURAZIONI ( le Ultime Novità 2017 )
 
Allo studio la Finanziaria 2017...si prevede nuovamente l'applicazione del bonus ristrutturazione che dovrebbe passare ( dati non ancora definitivi) da da 65% al 50% e non si potrà più detrarre in 10 anni ma bensì in 10
 

 

Bonus MOBILI ( le Ultime Novità 2017 )
 
si potrà beneficiare anche per 2017 se si è in fase di ristrutturazione edilizia per abitazione con una novità che molto probabilmente saranno ammesse spese documentate con scontrino fiscale, benché il pagamento sia stato effettuato con bancomat, non più quindi solo bonifici di natura fiscale
 

La detrazione spetta per le spese sostenute dal 6 giugno 2013 al 31 dicembre 2016 per l’acquisto di:

-mobili nuovi, grandi elettrodomestici nuovi di classe energetica non inferiore alla A+, (A per i forni), per le apparecchiature per le quali sia prevista l’etichetta energetica.

 

dal 6 giugno 2013 al 31 dicembre 2016 ed è calcolata su un ammontare complessivo non superiore a 10.000 euro.( 2017 non ancora definito)

 
BONUS RISPAMIO ENERGETICO
 
per infissi, coperture termiche solari ec...
acquisto di tende scuri lucernai tapparelle
65% ( in fase di definizione nella prossima finanziaria 2017)
 
 

 

Bonus Ristrutturazione Edilizia 2017, Beneficiari

  • proprietari e nudi proprietari;
  • titolari di un diritto reale di godimento;
  • locatari e comodatari;
  • soci di cooperative;
  • imprenditori individuali, per gli immobili non rientranti fra i beni strumentali o merce.
  • soggetti di cui all’articolo 5 del Tuir, che producono redditi in forma associata, alle stesse condizioni degli imprenditori individuali.

I lavori che possono rientrare nel bonus?Ristrutturazioen edilizia e Interventi miglioramento energetico?

  • tutti gli interventi di recupero del patrimonio edilizio, compresi i lavori di manutenzione straordinaria e ristrutturazione edilizia, la detrazione fiscale è pari al 50% delle spese sostenute e documentate;
  • tutti gli interventi miranti al miglioramento energetico dell’edificio, nonché relativi all’adozione di misure antisismiche, la detrazione fiscale è pari al 65% delle spese sostenute e documentate.
 
 
 
 
 
 
.
 
 
 
 
 
OLD....
 
 
 
 
 
 
 
 
 
aprile 2016
 
 
"Bonus mobili Nuova agevolazione per le giovani coppie che arredano casa: i chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate"
 
proroga al 1/12/2016   BONUS MOBILI e  ELETTRODOMESTICI percentuale detrazione 50% in immobili in ristruturazione
 
INTERVENTI DI REGUPERO PATRIMONIO EDILIZIO:  è stata disposta la proroga al 31 dicembre 2016 dell’innalzamento della percentuale di detrazione (dal 36 al 50 %) e delle spese ammissibili (da 48.000 a 96.000 Euro). Si tratta di una  proroga. Valgono, quindi, tutte le disposizioni di attuazione già in vigore......
 

E’ stata, inoltre, prorogata a tutto il 2016 la detrazione del 50 % per le spese sostenute per l’acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici finalizzati all’arredo degli edifici oggetto di ristrutturazione. L’agevolazione riguarda sia i contribuenti che sostengono delle spese per interventi di ristrutturazione nel 2016, sia i contribuenti che hanno sostenuto tali spese in anni precedenti, a partire dal 2012.

 
"La Legge di Stabilità ha inoltre introdotto una nuova agevolazione riservata alle GIOVANI COPPIE  che costituiscono un nucleo familiare composto da coniugi o conviventi da almeno tre anni, nel quale almeno uno dei due componenti non ha superato i 35 anni di età, che hanno acquistato un immobile da destinare ad abitazione principale della coppia.
 
Tali coppie potranno beneficiare di una detrazione del 50 % per l’ammontare delle spese documentate sostenute per l’acquisto di mobili per l’arredo dell’abitazione suddetta.
IMPORTO MAX DETRIBILE IN 10 ANNI   16.000,00 sostenute nel 2016  per l’acquisto di mobili per l’arredo dell’abitazione suddetta.

La detrazione deve essere ripartita tra gli aventi diritto in dieci quote annuali di pari importo ed è calcolata su un ammontare complessivo delle spese sostenute nel 2016 non superiore a 16.000 Euro.

 

Le spese non possono riguardare l’acquisto di grandi elettrodomestici. I mobili acquistati devono essere nuovi. Rientrano nell’agevolazione, ad esempio:

 

  • letti,

  • armadi,

  • cassettiere,

  • librerie,

  • scrivanie,

  • tavoli e sedie,

  • comodini,

  • divani e poltrone,

  • credenze,

  • materassi,

  • apparecchi di illuminazione.

  •  

  • occorre essere una coppia sposata o una coppia convivente more uxorio da almeno tre anni. Quindi, nel caso di coppia sposata, è sufficiente essere sposati nel 2016. In caso di coppia di conviventi, la convivenza deve durare da almeno tre anni, tale condizione deve essere soddisfatta nel 2016 e deve essere attestata dall’iscrizione di entrambi i componenti del nucleo familiare nello stesso stato di famiglia o mediante un’autocertificazione.

la coppia deve aver acquistato un immobile da destinare ad abitazione principale della coppia medesima

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

febbraio 2016

 

STRATEGIE :

"Super ammortamento"

LEGGE DI STABILITA' 2016

Analisi Studio Contabile Tributario Dott. Cozzani

 

 

 

 

 

la legge di stabilità 2016 ha previsto la possibilità per imprese e professionisti di avvalersi di un nuovo "strumento" fiscale in alcuni casi necessario per per poter aumentare il costo detraibile di un bene presente in azienda o in professione.

 

STRATEGIE:Se siamo quande in presenza di un'azienda con alti ricavi e necessitiamo nell'esercizio di incrementare il costo detraibile (atto alla riduzione dell'utile dell'esercizio con il conseguente vantaggio di un imposizione fiscale inferire ) possiamo usufruire dell'utilizzo del "Super Ammortamneto" che la legge di stabilià ci propone...

 

Sono piccoli accorgimenti ma che a fine dell'eserzio in azienda o per la professione garantiranno nell'anno un RISPARMIO notevole se applicati con altre STRATEGIE ....

 

L'Obiettivo IN PERIODO DI CRISI ECONOMICA...RIBADIAMO E' IL RISPARMIO..IL CONTENIMENTO DEI COSTI...

 

 

ILLUSTRIAMO QUI DI SEGUITO IL CALCOLO 
PER L'APPLICAZIONE DEL "SUPER AMMORTAMENTO"

 

 Si tratta di un'agevolazione che consiste nell’incrementare il costo di acquisto fiscale del bene del 40% e sul costo così determinato calcolare gli ammortamenti, rimanendo fisse le percentuali di ammortamento previsto dal Decreto Ministeriale 31.12.1998.

Nella Sostanza "il super ammortamento " puo essere applicato da tutte le aziende o professionistai che investono in beni strumentale strettamente inerenti al core business aziendale o professionale in quanto (titolari di reddito di impresa o reddito di lavoro autonomo (TRANNEI CONTRIBUENTI IN REGIME FORFETTARI,)

 

si avra la possibilità nella sostanza di incrementare ai finui fiscali il valore del bene per esere ammortizzato :

un esempio un azienda/professionista acquista un bene strumentale del valore del 1000,00

 

calcolo esempio:

 

 

1di norma avrebbe un coeficiente ammortizzabile del 10% nella sostanza applicheremo il 14%

 
esempio del calcolo 2 soluzioni:
 
1° soluzione

ossia maggiorimao del 40% il valore del bene ai fini fiscali quindi avremo 

1000x40%=400

incrementiamo i valore del bene di 400   1000+400=1400

ed avremo 1400*10/100=140  quota annua deducibile

2° soluzione

 

Moltiplichimao il valore base del bene 1000 per il coefficiente aumentato del 40%

ossia da 10 diventa 14%

 

1000x14%=140 ,00  è la quota ammortamento deducibile annua....

 

 

per ulteriori info

 

STUDIO CONABILE TRIBUTARIO DOTT. COZZANI 

 

Dott. Cozzani Alessandro

La Spezia - Sarzana - Carrara

cozzani.alessandro@yahoo.it

http://it.linkedin.com/pub/alessandro-cozzani/36/883/b7b

 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
26/01/2016
 
 
"TASI ABOLIZIONE PRIMA CASA
"

TASI PRIMA CASA ABOLIZIONE Dal 1° gennaio 2016, cambia ancora la tassazione degli immobili ed in particolare la TASI e l’IMU. La
misura più importante è sicuramente l’abolizione della TASI sull’abitazione principale (non di lusso) e ciò
sia per il proprietario che per l’inquilino. Sono previsti, inoltre, anche ai fini TASI gli stessi casi di
assimilazione ad abitazione principale già previsti per l’IMU (es. ex casa coniugale e unico immobile del
militare).

inoltre si ribadisce nella sentenza che:
«l’omessa presentazione della dichiarazione annuale non comporta la perdita del credito di imposta comunque spettante in base alle scritture contabili regolarmente tenute»

 

"Comunicazione dati IVA"
 
  Scadenza 29 febbraio 2016
 
 
(il 28 scadenza originaria cade di domenica) i contribuenti titolari di P. IVA sono obbligati, fatta salva un’eccezione, a presentare la Comunicazione dati IVA. La Comunicazione Dati IVA rispetta quanto previsto dall’art. 252 della Direttiva 2006/112/UE, circa l’obbligo di fornire le informazioni relative
 
 
 
 
 
 
 
 
 
"Condono fiscale, sì ai rimborsi"
 
 
Il contribuente che aderisce a un condono fiscale estingue i debiti con il Fisco ma senza alcun impatto su eventuali crediti: lo stabilisce la Corte di Cassazione con una sentenza relativa al caso di una società che aveva utilizzato in compensazione un credito IVA relativo a un’annualità oggetto di condono fiscale. Si tratta della sentenza 24009/2015 della quinta sezione civile.
 
Rimarranno quindi in essere gli eventuali crediti in essere della società verso l'amministrazione
 
«l’adesione al condono non impone al contribuente la rinuncia al credito e non impedisce all’Erario di accogliere la richiesta di rimborso».
 
inoltre si ribadisce nella sentenza che:
«l’omessa presentazione della dichiarazione annuale non comporta la perdita del credito di imposta comunque spettante in base alle scritture contabili regolarmente tenute»
 
 

La Cassazione ha di fatto confermato questa impostazione. Il credito IVA non può «risultare pregiudicato, in astratto, dalla adesione del contribuente al condono tombale»:

«l’adesione al condono non impone al contribuente la rinuncia al credito e non impedisce all’Erario di accogliere la richiesta di rimborso».

Le scadenze fiscali di febbraio 2016,

- dall’invio telematico della Comunicazione Dati Iva (che verrà abrogata dal 2017, periodo d’imposta 2016) e della dichiarazione IVA.
Per quest’anno, quindi, la presentazione della dichiarazione IVA entro il 28 febbraio rimane una facoltà, rimanendo ancora in vigore la possibilità di inviarla con il modello UNICO entro il 30 settembre 2016.
Dal 2017, invece, entrerà in vigore l’obbligo di presentazione della dichiarazione IVA in forma autonoma entro la fine del mese di febbraio, con la contestuale abrogazione della comunicazione annuale dati IVA.

Marzo 2016 

è il mese della Certificazione Unica 2016, che dallo scorso anno sostituisce il vecchio Modello CUD.

Aprile 2016 è il mese delle scadenze fiscali dello Spesometro 2016 e del730/2016.
Lo spesometro 2016 dovrà essere inviato:

  • entro il 10 aprile,
  • per i contribuenti IVA mensili;
  • entro il 20 aprile,
  • per i contribuenti IVA trimestrali.

Dal 15 aprile 2016, inoltre, l’Agenzia delle Entrate pubblicherà i dati del modello modello 730/2016 precompilato, , che potrà essere accettato e inviato dal contribuente oppure modificato e inviato da parte di un intermediario abilitato.

Tramontata l’utopistica ipotesi del «Tax Day» del 16 maggio 2016, la scadenza dell’anno per il pagamento del saldo e del primo acconto delle principali imposte rimarrà il mese di giugno 2016.
Tuttavia, come ogni anno, vi potrebbe essere una proroga alla
di luglio.

Le scadenze fiscali di Luglio 2016 continuano a caratterizzarsi per l’invio delmodello 770 semplificato e ordinario, nonostante il Governo si fosse impegnato ad abrogarne l’obbligo con la Legge Legge di Stabilità Stabilità (per il secondo anno vi sarà una parziale duplicazione dei dati per effetto del precedente adempimento della Certificazione Unica). In realtà, si potrà evitare l’invio del modello 770 semplificato qualora la Certificazione Unica relativa contempli già tutti i dati richiesti dal Fisco.

 30 settembre 2016

 

 è il giorno dell’invio telematico del modello UNICO modello UNICO per i soggetti tenuti alla presentazione telematica.

Le scadenze fiscali del mese di ottobre 2016 sono caratterizzate per la scadenza della comunicazione dei dati dei beni e dei finanziamenti e capitalizzazioni effettuati dai soci.

Entro la fine di novembre 2016, infine, dovrà essere versato il secondo acconto delle imposte sui redditi: IRPEF, IRES, IRAP e contributi INPS.

Il calendario delle scadenze fiscali 2016 si chiuderà con dicembre, caratterizzato da due importanti scadenze fiscali:

  • entro il 16 occorre versare il saldo saldo IMU e TASI sugli immobili diversi dalle abitazioni principali;
  • entro il 27 occorre versare l’acconto IVA.

 

 

 

 

 

__________________________________________________________________________________________________

 

 

 

 

 

 

 

 

Spesometro 2015

 

La scadenza Spesometro 2015 è 10, 20 e 30 aprile:
Scadenza 10 aprile per i contribuenti che liquidano l’IVA mensilmente.
Scadenza 22 aprile per chi liquida trimestralmente l'IVA.
Scadenza 30 aprile per gli operatori finanziari che devono comunicare gli acquisti superiori a 3.600 euro pagati con bancomat o carte di credito.

 

 

 

 

Esonero per chi opta per la fatturazione elettronica:

 L’art. 50-bis del d.l. n. 69/2013, c.d. Decreto Fare, convertito in l. n. 98/2013, ha esonerato dagli adempimenti dello Spesometro 2015, i titolari di partita IVA che, dal 1° gennaio 2015, optano per la trasmissione quotidiana all’Agenzia delle Entrate, in via telematica, delle fatture emesse e ricevute e dell’ammontare dei corrispettivi delle operazioni effettuate, non soggette a fatturazione


 

x info 

cozzani.alessandro@yahoo.it

Dott. Cozzani Alessandro

Studio Contabile Tributario

 

 

___________________________________________________________________________________________

 

 

 

 

 

Nuovo Regime dei minimi  2015

dal 1° gennaio 2015

 

 

 

Dal 1° gennaio 2015, secondo quanto previsto dalla Legge di Stabilità, cambieranno le regole per i contribuenti minimi

 

Regime dei Minimi meno convenienti rispetto all'attuale normativa 2014 - nel 2015 si passerà infatti da un'imposta sostitutiva del 5% al 15% (un incremento notevole nella tassazione)



Si hanno ancora pochi giorni strategicamente per aprire una nuova attività rientrando nel vecchio regime 2014 con la tassazione al 5%

 

 

da un analisi della nuova normativa sembrerebbero pochi i vantaggi del nuovo regime rispetto al passato 

con la differenza sostanziale dell'auymento della tassazione dal 5 al 15 % e l'innalzamento del limite di acquisto di beni strumentali da 15000 a 20.000 (nei tre anni) 

L'imponibile non sarà più calcolato semplicemnete dalla differenza ricavi - costi  ma da un coefficiente di calcolo percentuale sui ricavi che varia a seconda dell'attività svolta. (es 78 % per professionisti del ricavo ricavo totale- su tale importo calcolo la tassazione) 

per info contatti
Studio Contabile Tributario Dott. Cozzani

cozzani.alessandro@yahoo.it

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

_______________________________________________________________________

Leggedi Stabilità 2015

scadenza 15 Ottobre 2015

 

 

In Sintesi i principali punti della Legge di Stabilità 2015

 



stabilizzazione del bonus di 80 Euro mensili per i lavoratori dipendenti ed equiparati;

- deduzione del costo del lavoro dalla base imponibile dell’Irap;

possibilità di richiedere l proprio TFR direttamente in busta paga, come parte integrativa della retribuzione, assoggettata a tassazione ordinaria e non imponibile ai fini previdenziali(tale disposizione riguarda i lavoratori dipendenti del settore privato esclusi lavoratori domestici e settore agricolo)

-estensione al 2015 le detrazioni fiscali per gli interventi di riqualificazione energetica e di ristrutturazione, oggi applicate nella misura del 65 % e del 50 %, sono state estese agli interventi che verranno realizzati nel corso del 2015.

credito di imposta pari al 25% per le attività imprese nel settore ricerca e sviluppo

- sgravi contributivi per assunzioni a tempo 
indeterminato (esonero per 36 mesi dal versamento contributi a carico del datore di lavoro)

 

 

 

 

 

_______________________________________________________________________

TASI

scadenza 16 Ottobre 2014

 

Sono tenuti a pagare la Tasi quei soggetti identificati come possessori (proprietari e usufruttuari) o come detentori.

 

Comproprietà: si considerano le singole quote di possesso e le destinazioni abbinate a tali quote.

 

Se ad esempio, un edificio in comproprietà è utilizzato da un solo proprietario come abitazione principale questi dovrà abbinare per la sua quota l’aliquota Tasi corrispondente mentre gli altri comproprietari non ivi residenti utilizzeranno quella prevista per gli altri immobili.

 

Comune: Bisogna comunque tener presente poi la possibilità per il comune di richiedere il versamento dell’imposta non versata da un possessore ad un altro possessore (il che non si applica però in caso di mancato versamento da parte del detentore/inquilino).

 

Scadenza: L’acconto Tasi è da pagare entro il 16 ottobre.

 

 

_________________________________________________________________________________________

x info contatti 

Studio Contabile Tributario 

Dott. Alessandro Cozzani

cozzani.alessandro@yahoo.it

+39 3470837487

 

 

 

 

_________________________________________________________________________________-

16 giugno 24 giugno - 8 luglio 2014 

4 giugno 2014

 

è stata prorogata al 16 giugno 2014 la scadenza per la presentazione del modello 730 ai CAF-dipendenti ed ai professionisti abilitati.

I professionisti e i Caf, dovranno inoltre presentare agli stessi entro il 24 giugno la copia delle dichiarazioni elaborate

e i prospetti di liquidazione.

Entro l'8 luglio dovranno essere trasmesse le dichiarazioni all'Agenzia delle Entrate.

 

_________________________________________________________________________________________

giugno 2014 

 

 

16 giugno 2014

 

 

obbligo di pagamento della TASI  entro il 16 giugno, per i Comuni che al 23 maggio non abbiano deliberato le nuove aliquote:

La Spezia obbligo di pagamento entro il 16 giugno

 

 

giugno 2014 

4 giugno 2014

 

Equitalia :"verranno riammessi i contribuenti che non hanno pagato 2 rate

4 giugno 2014: verranno riammessi i contribuenti che non hanno pagato le 2 rate perdendo il beneficio secondo la vecchia normativa

Ad oggi dopo un'attenta valutazione è possibile analizzato il caso presentare la documentazione necessaria alla giustificazione di una posizione di crisi aziendale o grave difficoltà economica personale, ottendo dove possibile una rateizzazione del debito fino a 120 rate.

Tale operazione garantisce la possibilità di frazionare nel tempo il debito garantendo in molti casi un rilancio aziendale, o un minor appesantimento sulla situazione familiare.

 

 

per analisi  del caso,

gestione pratiche 

Area iscale

Dott.Cozzani Tributarista

Certificato Lapet

contatti: cozzani.alessandro@yahoo.it



_________________________________________________________________________________

 

 

31 MAGGIO   2014 

 

entro il 31 maggio 2014, presentazione modello unico 730

a professionisti abilitati o CAF abilitati.

 

 

Devono presentare il Mod. UNICO Persone fisiche 2014 e non possono utilizzare il Mod. 730 i contribuenti che si trovano in una delle seguenti situazioni:
 nel 2013 hanno posseduto:
– redditi d’impresa, anche in forma di partecipazione;
– redditi di lavoro autonomo per i quali è richiesta la partita IVA;
– redditi “diversi” non compresi tra quelli indicati nel quadro D, righi D4 e D5;
– plusvalenze derivanti dalla cessione di partecipazioni qualificate o derivanti dalla cessione di partecipazioni non qualificate in società residenti
in Paesi o territori a fiscalità privilegiata, i cui titoli non sono negoziati in mercati regolamentati;
– redditi provenienti da “trust”, in qualità di beneficiario;
 nel 2013 e/o nel 2014 non sono residenti in Italia (vedi in Appendice la voce “Condizioni per essere considerati residenti”);
 devono presentare anche una delle seguenti dichiarazioni: IVA, IRAP, Mod. 770 ordinario e semplificato (sostituti d’imposta);
 devono presentare la dichiarazione per conto di contribuenti deceduti.

 

 

per ulteriori info, compilazioni modelli, 730, gestione pratiche

scrivi a :

 

Dott. Cozzani Tributarista certficato LAPET

cozzani.alessandro@yahoo.it

 

LA SPEZIA, SARZANA, CARRARA, VERSILIA

 

 

________________________________________________________________________________________

 

Febbraio - Marzo  2014 

Visto di conformità

Compensazioni Imposte dirette

 

l’utilizzo in compensazione nel mod. F24 dei crediti relativi alle imposte sui redditi e relative addizionali,
imposte sostitutive, ritenute e Irap, per importi superiori a € 15.000, comporta l’obbligo di rilascio del visto di conformità sulla dichiarazione dalla quale scaturisce il credito.

 

x info contatti 

cozzani.alessandro@yahoo.it

___________________________________________________________________________________________

Gennaio  2014 

24 gennaio 2014 :  scadenza "Mini IMU"

previsto il pagamento entro tale data della Mini Imu, prevista solo per i comuni che hanno aderito alla sua applicazione.

Si potrà pagare utilizzando il bollettino postale o il modello F24 da cosegnare in qualsiasi ufficio postale o bancario per il relativo pagamento. Viene inoltre data possibilità di pagare anche presso gli uffici di Equitalia o tabaccherie associate a Banca ITB.

 

 

 

novità  2014 legge stabilità 

sintesi principali novità 

 

CE (Aiuto alla Crescita Economica)

Aumenta l’incentivo alla patrimonializzazione delle imprese; con l’ACE la deduzione dal reddito complessivo di importo corrispondente al rendimento nozionale del nuovo capitale proprio passa dal 3% di oggi al 4% nel 2014, al 4,5% nel 2015 e al 4,75% nel 2016.

Ammortizzatori sociali

Stanziamento di ulteriori 600 milioni di euro per rifinanziare gli ammortizzatori sociali in deroga (cassa integrazione guadagni e mobilità).

Bonus arredi

Prorogata al 2014 la detrazione fiscale del 50% per l'acquisto di mobili e grandi elettrodomestici, con tetto di spesa fino ad € 10.000.

Casa

Si chiamerà Imposta Unica Comunale (IUC) la nuova tassa immobiliare, composta da: Imu, che sarà pagata dal proprietario, con esclusione delle prime abitazioni non di lusso; Tasi, tributo sui servizi indivisibili dei comuni, che sarà pagata dal proprietaio e, in quota variabile tra il 10% ed il 30%, dall'inquilino; Tari, la tassa sui rifiuti, che sarà pagata dal proprietario o dall'inquilino. Per le detrazioni sulla casa a favore delle famiglie meno abbienti sono previsti 500 milioni di euro complessivi, che entro il 31 gennaio saranno ripartiti tra i comuni.

Introdotto il fondo di garanzia prima casa: stanziati 600 milioni di euro complessivi per il triennio 2014-2016 per la concessione di garanzie a prima richiesta su mutui ipotecari per l'acquisto della prima casa, con priorità per giovani coppie o genitori single con figli mnori.

Cuneo fiscale

Elevate le detrazioni Irpef per lavoro dipendente per i redditi fino a € 55.000.

Distributori automatici

Possibile aumento, dal 1° gennaio 2014, di alimenti e bevande vendute mediante distributori automatici, al fine di adeguare i prezzi all'incremento dell'aliquota Iva (dal 4% al 10%).

Ecobonus e ristrutturazioni edilizie

Per le spese di riqualificazione energetica, è confermata la detrazione con aliquota al 65% nel 2014 e al 50% nel 2015; nel 2016 si tornerà al 36%. Per le ristrutturazioni edilizie (tetto di € 96.000), lo sconto fiscale sarà pari al 50% nel 2014, al 40% nel 2015 e al 36% nel 2016.

Equitalia

Possibilità di pagare le cartelle esattoriali emesse da Equitalia fino al 31 ottobre 2013 senza interessi, con l'obiettivo di alleggerire il contenzioso tributario attivo e di reperire risorse. Pagamento dell'intero importo, in soluzione unica, entro il 28 febbraio 2014.

Imprese

La deducibilità dell'Imu da Ires e Irpef versata sui capannoni cresce, per il solo periodo d'imposta 2013, dal 20% al 30%.

Infrastrutture e trasporti

Anas: per la manutenzione della rete stradale e la prosecuzione degli interventi programmati, stanziati 335 milioni di euro.

Rete ferroviaria: per l'anno 2014, previsti 500 milioni di euro per la relativa manutenzione.

Spiagge: doppia strada per la sanatoria dei contenziosi pendenti al 30 settembre 2013 in ordine al pagamento dei canoni demaniali marittimi; versamento in soluzione unica di un importo pari al 30% di quanto dovuto o versamento rateale (fino a un massimo di 9 rate) di un importo pari al 60% di quanto dovuto, oltre agli interessi legali.

Stadi: semplificata la procedura per la costruzione e ristrutturazione di impianti sportivi, con esclusione della possibilità di realizzare complessi di edilizia residenziale.

Pensioni

Nel triennio 2014-2016, rivalutazione al 100% dei trattamenti pensionistici solo nel caso di assegni di importo fino a tre volte il minimo Inps; all'aumentare dell'importo, prevista la riduzione della rivalutazione.

Pensioni d'oro

Il contributo di solidarietà, sulle pensioni superiori a 90.000 euro lordi annui,  viene fissato in una quota pari al:

  • 6% per la parte compresa fra 14 e 20 volte il minimo (90.168-128.811 euro lordi annui);

  • 12% per la parte compresa fra 20 e 30 volte il minimo (128.811-193.217 euro lordi annui);

  • 18% per la parte che va oltre 30 volte il minimo (14.863 euro lordi al mese).

Prodotti finanziari e depositi esteri

Dal 2014 aumenta l'imposta di bollo sulle comunicazioni ai clienti relative ai prodotti finanziari e sui depositi esteri.

Pubblico impiego

Blocco della contrattazione per tutto il 2014. Stop al turn-over fino al 2018 con assunzioni:

  • 2015 al 40% dei ritiri;

  • 2016 al 60% dei ritiri;

  • 2017 al 79% dei ritiri;

  • 2018 al 100% dei ritiri. 

Introdotto il tetto a 300 mila euro per il cumulo tra pensioni e stipendi pubblici.

Tracciabilità affitti

Introdotto il divieto di pagare in denaro contante i canoni di locazione, di qualunque importo (ad eccezione per case popolari ed enti assimilati), con affidamento di attività di monitoraggio ai Comuni.

Web Tax

Introdotto l'obbligo di partita iva per gli spazi pubblicitari ed il diritto d'autore sul web. L'entrata in vigore è stata posticipata al 1° luglio 2014 dal Decreto Legge 30 dicembre 2013, n. 151.

 

 

 

 

 

 

Dicembre 2013 

 

-IRPEF DETRAZIONE 55 % - Destrazione del 55% - 65%, sul risparmio energetico

lavori di ristrutturazione - adempimenti richiesti:

• acquisizione,  della documentazione edilizia (SCIA, concessione edilizia, ...); 
• acquisizione, se necessaria:   dell’asseverazione di un tecnico abilitato, circa la rispondenza dell’intervento eseguito ai requisiti richiesti dalla normativa e; 
dell’attestato di certificazione energetica o qualificazione energetica dell’edificio;

i suddetti i documenti 
possono essere sostituiti da certificazioni semplificate per gli interventi di minore entità 
(sostituzione finestre, installazione pannelli solari); 
trasmissione della documentazione richiesta all’ENEA (Ente per le Nuove Tecnologie, l’Energia e 
l’Ambiente)

 

 

-Previsto entro il 10 dicembre il pagamento degli acconti fiscali IRPEF, IRES E IRAP

per effetto della proroga deciisa

in questi giorni. dal Premier.

 

per il 16 dicembre, è ancora da definirsi se verra  individuata come data entro il quale effettuare il pagamento della 

Tares.

 

 

16 dicembre coe tutti i mesi per i soggetti titolari di partita iva (esclusi regimi dei Miniimi) è previsto se mesile il versamento dell'Iva.

 

 

Novembre  2013 

 

 

 

 

31 Ottobre 2013 

Cassa Forense Avvocati

 

Il 31 ottobre scade il termine per il pagamento contributi previdenziali, per i quali la Cassa, ha dato preventivamente comunicazione ai professionisti interessati iscritti.

 

Sono stati realizzati 3 differenti bollettini MAW contraddistinti per causali:

1) Contributi anno in corso e rateazioni

2) Contibuti anni precedenti

3)Altri contributi (istituti facoltativi)

 

 

1° Ottobre 2013 

Aumento dell'iva al 22%

  • dal 1° Ottobre 2013 è scattato l'aumento dell'iva dal 21% al 22%; tale aumento colpirà nella sostanza il consumatore finale con un aumento percentuale dell'1% 
  • Da tener presente comunque che l'aumento dell'iva scatterà per le merci efefttivamente consegnate dopo il 30 settembre, applicando l'iva al 21 % solo nei casi dove la fatturazione o il pagamento avverranno entro tale data, indipendentemente se la merce è consegnata il 1° ottobre 2013.
  • Si ricorda inoltre che l'iva al 22% sui servizi viene applicata quando si considerano effettuate le prestazioni all'atto del pagamento del corrispettivi

 

  • Per quanto concerne gli acconti pagati prima della fornitura: se prima della fornitura viene pagato un acconto, il fornitore avrà l'obblico di emettere fattura per l'importo dell'acconto incassato mantenendo il 21%, mentre per la restante parte se la consegna della merce avverrà dal 2 ottobre la fattura finale dovrà aver il 22% di iva.

 

 

  • Il Governo: potrebbe comunque, approvare anche successivamente un decreto legge "di Blocco" , ciò non toglie ocmunque che al momento dal 1° ottobre è in vigore l'iva al 22%
  • Commercianti: nei registratori di cassa dovrà essere modificat l'iva al 22

 

  • Professionisti:   Nell'ambito dei versamenti della cassa di previdenza, l'aumento dell'iva al 22% no ninciderà salla base imponibile dei contributi integrativi delle Casse dei Professionist.

 

 

 

 

30 Settembre

termine presentazione Unico 

 

  • 30 settembre è il  termine ultimo per la presentazione di Unico 2013 per le persone 
fisiche, società di capitali esocietà di persone  con periodo d’imposta coincidente con l’anno solare.

 

 

 

 

Agosto 2013

  • E' stato convertito in Legge il Decreto sulle detrazioni fiscali per interventi di riqualificazione energetica......

  • Perdite su crediti: l'Agenzia delle Entrate fornisce alcuni chiarimenti riguardo alla nuova disciplina della

  • deducibilita' fiscale.

  • Nuovo Redditometro le novità 2013 agosto

 

 

 

 

 

 

La  presente pagina ha lo scopo di dare informazioni sintetiche degli ultimi aggiornamenti presenti in campo fiscale, societario, risssunte dai principali

network fiscali; per eventuali datii o novità fiscali  non ritenute aggiornate o precise, non si alcuna responsabilità in merito nei confronti di terzi.

 

 

 

 

 

 

x info

contatti, appuntamenti, preventivi

 

STUDIO CONTABILE -  TRIBUTARIO

Dott. Cozzani Alessandro

La Spezia - Sarzana 

 

sede legale  La Spezia : Via Vittorio veneto n. 126 

19124 LA SPEZIA (SP)

cozzani.alessandro@yahoo.it

+39 3470837487

http://it.linkedin.com/pub/alessandro-cozzani/36/883/b7b

 

Sito web gratis da Beepworld
 
L'autore di questa pagina è responsabile per il contenuto in modo esclusivo!
Per contattarlo utilizza questo form!